Maurizio Costanzo

 

Oggi è impegnato su diversi fronti:
In Tv, conduce in seconda serata su Canale 5 il talk one to one “L’Intervista” e il “Maurizio Costanzo Show”. Su Rai 1 sempre in seconda serata conduce il talk “S’è Fatta Notte”.
In Radio, dal 2017 conduce il sabato e la domenica su Radio105 il “Radio Costanzo Show” insieme a Carlotta Quadri.
Per la Stampa, scrive su Libero e Il Tempo la rubrica “Buona tv a tutti”.

Giornalista, intellettuale, scrittore, conduttore televisivo e radiofonico, autore per il teatro, per la tv per il cinema e per la musica.
Della sua pluridecennale carriera ricordiamo alcuni passaggi importanti: inizia la carriera di giornalista a soli 18 anni, nel 1956, come cronista nel quotidiano romano “Paese Sera”. Scrive e collabora con alcuni dei più importanti quotidiani e periodici nazionali tra cui Il Corriere della Sera, Il Messaggero, Il Mattino, La Stampa, Il Riformista, Epoca, Panorama e Gente.
Nel 1978 comincia la sua collaborazione con la Rizzoli assumendo la direzione dello storico settimanale “La Domenica del Corriere”. Mantiene la carica per oltre un anno. Nel 1991, in seguito all’omicidio di Libero Grassi, realizza con Michele Santoro una staffetta evento Rai-Mediaset. Santoro si collega in diretta da Raitre con “Samarcanda”, mentre Costanzo lo fa dal Teatro Parioli con il “Maurizio Costanzo Show” su Canale 5.
Nell’ottobre del 1997 viene nominato Direttore di Canale 5.
Sono molte le sceneggiature per il cinema a cui collabora. Tra queste il capolavoro di Ettore Scola “Una giornata particolare” (1977) e “Il Giovane normale” (1969) di Dino Risi e quattro pellicole di Pupi Avati.
Nel 1984 scrive e interpreta personalmente i 52 episodi della prima Situation Comedy italiana, “Orazio”, nella quale recita insieme a Simona Izzo, Angiolina Quinterno e Alessia Fabiani, allora bambina. Gli episodi vengono trasmessi settimanalmente su Canale 5 all’interno del contenitore domenicale “Buona Domenica”. L’esperienza di attore viene ripetuta nel 1989 con la Situation Comedy “Ovidio”.
Per la musica, indimenticabile il 1966, quando scrive per Mina con Ghigo De Chiara “Se telefonando”, musicata da Ennio Morricone.
Dal 1995 al 2009 è Professore presso la facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università Sapienza di Roma, con cattedra in Teoria e Tecnica del linguaggio radiotelevisivo. Nel marzo 2010 assume il ruolo di direttore responsabile della storica collana “Giallo Mondadori”. Ha pubblicato per diversi editori oltre 35 libri.